Etichettato: natura

Giorno 9: Ode alla veranda

wpid-wp-1441018211560.jpegNon so come riuscirò d’ora in poi a fare a meno di una veranda con vista.
La mattina inizia qui, aprendo la porta di casa con curiosità e ritrovando questo squarcio di verde a salutarti come se dicesse ‘Buongiorno!’. L’intensità del suo colore sfuma nelle diverse tonalità che ti vengono incontro a colmarti gli occhi: pini e eucalipti bordano il quadro, il prato per terra, un oleandro poco sotto la bignonia davanti al patio. Le foglie che ondeggiano lente a far da frangia, muovendo la luce come piccoli specchi, il canto delle allodole, gli stormi di corvi che ogni tanto solcano il cielo, gli uccellini che saltellano di ramo in ramo e gli altri che punteggiano il becco a terra. Tutto è avvolto da una brillantezza gioiosa. Anche le idee arrivano qui. La quiete alberga in questo posto.
Il tempo di prendere un caffè, leggendo un libro o una rivista, di fermare un pensiero, di sorridere, di guardare il vento. Sfiora la mente la voglia di vivere in una mobil home tutta la vita, come una nomade in cerca dell’armonia della natura per ritrovare quella della propria anima.
Credo sarà quello che mi mancherà di più al mio rientro. Forse dovrei impegnare tutte le mie energie a visualizzare una veranda come questa e a renderla concreta in un prossimo presente.
Passerei la metà del mio tempo libero in un posto così, tutte le mie colazioni, i pranzi e le cene quando si può. Diventerebbe teatro di tante attività, del tempo dei progetti e delle scoperte: un laboratorio creativo, uno spazio per la pratica, un nido per il riposo, un luogo di incontri e di chiacchiere.
Sì, voglio vivere in veranda, non portatemi via, lasciatemi qui.

RN

Annunci