“Cosa sarà.. che dobbiamo cercare?”

Oggi, nel giorno del suo compleanno, a poco più di un anno dalla sua morte, mi piace ricordare Lucio Dalla con la meravigliosa, delicatissima Cosa sarà, canzone che è una piccola poesia:

Amo la sua leggerezza profonda, quel suo ritmo da fischiettare che fa venire voglia di scendere in strada e di inseguire il tramonto, la sua cantilena che si interroga su quei quesiti.

Mi accelera il battito la sospirata domanda accompagnata da quell’incantevole, quasi soffiato, ritornello “Ohhhhhhh Cosa sarà??!”, che è questione un po’ di tutti.

Mi piace che sia una canzone fatta di una domanda, perché è sempre dall’interrogativo che nasce la ricerca..

..E mi piace la domanda delle domande: “cosa sarà che dobbiamo cercare?”

Ecco, punto fondamentale: cosa dobbiamo cercare?!

Perché a volte crediamo di non trovare le risposte solo perché ci poniamo le domande sbagliate.. Un invito ad ascoltarsi, a mettersi in discussione e a cambiare ciò che ci chiediamo, perché è questo che orienta la nostra osservazione. Se guardiamo dalla parte sbagliata come possiamo pretendere di trovare quello di cui abbiamo bisogno?!

Una canzone che in fondo è un inno alla vita, a quella forza che non si sa da dove viene, ma che tutto tiene in piedi.

Questo pezzo parla da solo. Riporto direttamente solo alcune parti del testo che sono le mie preferite (la punteggiatura, il corsivo e la serie di h dopo l’Oh sono il mio modo di leggerle):

“Cosa sarà che fa crescere gli alberi e la felicità?!..
..a far muovere il vento? A fermare un poeta ubriaco?..
..Ohhhhhhhh cosa sarà?! Che ti svegli al mattino e sei serio, che ti fa morire, ridendo, di notte, all’ombra di un desiderio?!..
Cosa sarà.. che ti porta a cercare il giusto dove giustizia non c’è?
cosa sarà che ti fa comprare di tutto anche se è di niente che hai bisogno?
cosa sarà che ti strappa dal sogno?
Ohhhhhh cosa sarà?!! Che ti fa uscire di tasca dei no non ci sto/ ti getta nel mare e ti viene a salvare?
Ohhhhhh cosa sarà che dobbiamo cercare, che dobbiamo cercare?!
Cosa sarà che ci fa lasciare la bicicletta sul muro e camminare la sera con un amico a parlar del futuro?
cosa sarà questo strano coraggio/paura che ci prende, che ci porta a ascoltare la notte che scende?
Ohhhhhh cosa sarà?!!.. è come un uccello che in volo si ferma e guarda giù”.
(Cosa sarà dall’Album Lucio Dalla pubblicato nel 1979 – testo di L. Dalla, musica Ron, cantata con F. De Gregori).

Seguono, sempre di Lucio Dalla, nella mia Playlist di questa sera:

Felicità

Stella di Mare

L’anno che verrà

Come è profondo il mare

4 marzo 1943

Futura

Felice ascolto,

R.N.

Riproduzione Vietata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...